PROSA         

SPETTACOLO INAUGURALE        

produzione

Off-Off Theatre

DENTRO LA TEMPESTA

Liberamente ispirato a La Tempesta di Sasà
di Salvatore Striano
ed. Chiarelettere

con

SALVATORE STRIANO
CARMINE PATERNOSTER
BEATRICE FAZI

regia

SALVATORE STRIANO

scene e costumi

Alessandro Chiti

sound design

Umberto Fiore

disegno luci

Giuseppe Filipponio

 20 29 ottobre 2017

● “È tutta una vita che si sperimenta il teatro in carcere ma, per la prima volta, proveremo a portare il carcere in teatro. Due celle, due detenuti che affrontano l’inferno carcerario, spesso luogo senza senso, che si trasforma in una palestra del crimine. Non una favola nera, poiché in carcere, iniziando con la lettura de La tempesta di Shakespeare, entrerà la forza salvifica dei libri e i due protagonisti cominceranno una vera e propria revisione critica, abbandonando gradualmente quegli atteggiamenti e linguaggi che li avevano portati a perdersi”.

Salvatore Striano

Salvatore Striano a soli quattordici anni aveva già la guerra in testa, la cocaina nel sangue e due pistole infilate nei pantaloni. Era un leader delle teste matte, una banda di ragazzini terribili che si sono fatti camorristi per difendersi dalla camorra. Vita di strada, anni di sangue, di latitanza. Non ha ancora trent’anni quando finisce in carcere, prima a Madrid, poi a Milano. Un destino che sembra ormai segnato il suo. Invece è proprio dal punto più basso e disperato che la vita lo sorprende: grazie alla scoperta magica della letteratura e del teatro. Sasà inizia a percorrere la via dell’arte. Quel mondo lo porta in scena nella sua “tempesta”, raccontandoci le vicende che si intrecciano in un carcere: gli scontri tra detenuti e guardie, la voglia di riscattarsi, il potere catartico della conoscenza. Salvatore ha trovato la sua libertà nei personaggi e nei copioni, si è salvato grazie alla potenza delle storie ed ora è qui a raccontarci la sua.

Curiosità

Il titolo dello spettacolo (e del romanzo da cui è tratto) è ispirato alla celebre opera di William Shakespeare, La tempesta, testo che Striano ha interpretato in carcere nel ruolo di Ariel, lo spirito schiavo di Prospero, liberato come ricompensa del suo fedele servizio.

Salvatore Striano, prima latitante, arrestato e detenuto a Madrid poi a Rebibbia, si appassiona al teatro in carcere. Esordisce nel cinema con Matteo Garrone nel film Gomorra ed è protagonista nelle fiction TV:  Il clan dei camorristi, L’oro di Scampia e ancora nel cinema Take five, I milionari, ed è Bruto nel film dei fratelli Taviani Cesare deve morire, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino.

Carmine Paternoster, le sue prime esperienze teatrali sono nate tra le mura del carcere. In cinema protagonista nel film I cinghiali di Portici, di Diego Olivares. In teatro, Petrolio e Morte di Danton per la regia di Mario Martone. E ancora in cinema, protagonista de L’intervallo, di Leonardo Di Costanzo, Take Five, di Guido Lombardi e protagonista nel ruolo di Roberto nel film Gomorra di Matteo Garrone.

Beatrice Fazi debutta in tv su Rai1 come conduttrice del programma per bambini Big!A seguire Macao di Gianni Boncompagni nel ruolo di Nunzia. Tra le fiction Un Medico in Famiglia nel ruolo di Melina.
Al cinema, tra gli altri, La verità, vi prego, sull’Amore con Pierfrancesco Favino e protagonista in Quartetto, di Salvatore Piscicelli. In teatro con le regie di Gigi Proietti, Francesco Apolloni, Eleonora Danco.

Ho scelto DENTRO LA TEMPESTA come spettacolo inaugurale non solo per l’aspetto di teatro civile legato alla drammatica situazione umana del sistema carcerario, ma soprattutto perché il tema più profondo del testo è quello che soltanto la cultura può salvare gli individui e il mondo.

E nel pieno di questa nostra epoca di globalizzazione è solo la cultura che garantisce il progresso e la civiltà ed è l’unica bussola all’interazione, integrazione e comunicazione tra gli individui e tra i popoli.

E mi piace ricordare Giovanni Testori che affermava: ‘Cultura non sono le conoscenze settoriali, patrimonio soltanto di alcuni privilegiati addetti ai lavori e anzi, quando qualcuno si sente depositario della cultura, opera un atto di terrorismo, perché la cultura vera di un Paese è quella a cui concorrono tutte le possibilità di ognuno’.

E il grande Maestro Claudio Abbado, un gigante della cultura mondiale, amava ripetere che ‘chi ama la cultura vuole conoscere tutte le culture e, dunque, è contro gli steccati e i razzismi di ogni tipo’.

Ed è per questi motivi che DENTRO LA TEMPESTA è il nostro spettacolo inaugurale.”

Silvano Spada  

produzione

Off-Off Theatre

PIERA DEGLI ESPOSTI

E

ACHILLE CAMPANILE

30 ottobre 2017

DIR International Film SRL

L’EFFETTO CHE FA

Liberamente ispirato al più spaventoso caso di cronaca nera avvenuto a Roma negli ultimi anni:
l’omicidio del giovane Luca Varani

con

VALERIO DI BENEDETTO
RICCARDO PIERETTI
FABIO VASCO

scritto e diretto da

GIOVANNI FRANCI

voce off

Alessia Innocenti

cantante

Mike Lupone

ph/elaborazioni digitali

Marco Aquilanti

assistente

Fabio Del Frate

ufficio stampa

Carla Fabi e Roberta Savona

 31 ottobre  8 novembre 2017

Gli scenari più allucinanti e disturbanti che la cronaca ricordi, non solo per la loro efferatezza, ma per le implicazioni che questi aprono nelle nostre coscienze. Particolari raccapriccianti, rivelazioni sempre più incredibili e spaventose in uno sconvolgente, desolante viaggio nei meandri più bui dell’animo umano. Motivazione del delitto: l’assenza di motivazione.

100° Anniversario della Rivoluzione Russa

Suoni & Pause e Luna Scarlatta

NINO! NINO!

di Sonya Orfalian

con

GRAZIANO PIAZZA

musiche di

RICCARDO GIAGNI

con una poesia di

SILVIA BRE

6 novembre 2017

Antonio Gramsci, una delle figure centrali della cultura e della storia politica del nostro Paese. Un’occasione per contribuire e far conoscere alle giovani generazioni italiane l’universalità, la profondità e l’alto valore morale ed educativo del suo pensiero e delle sue riflessioni.

Tradizione Teatro

SHAKESPEARE LAB

un progetto di  Ilaria Ceci e Davide Sacco

13 novembre 2017

● Trenta giovani professionisti under 35 selezionati per il progetto Tradizione – il teatro di domani.
Serata di premiazione al termine del percorso Shakespeare Lab.

Teatri Uniti

BIRRE E RIVELAZIONI

atto unico in otto birre

con

ANDREA RENZI
TONY LAUDADIO

scritto e diretto da

TONY LAUDADIO

scene e costumi

Barbara Bessi

suono

Daghi Rondanini

direzione tecnica

Lello Becchimanzi

  19 novembre 2017

L’incontro in una birreria, casuale solo in apparenza, tra il proprietario del locale e un professore di letteratura italiana insegnante del figlio. Il complesso tema dei rapporti tra uomini, tra padre e figlio, moralità e pregiudizio, amore e sessualità, violenza e prevaricazione.

Teatri di Vita, Akròama e T.L.S.

A PORTE CHIUSE

Dentro l’anima che cuoce

uno spettacolo di Andrea Adriatico
drammaturgia di Andrea Adriatico e Stefano Casi
ispirato a Jean-Paul Sartre

con

GIANLUCA ENRIA
TERESA LUDOVICO
FRANCESCA MAZZA

e con

LEONARDO BIANCONI

e con l’amichevole partecipazione di

Angela Malfitano e Leonardo Ventura

suono

Daghi Rondanini

regia

ANDREA ADRIATICO

cura

Daniela Cotti, Saverio Peschechera e Marco Argentina, Andrea Stegani

scene e costumi

Andrea Barberini

tecnica

Francesco Zanuccoli

con la collaborazione di Teatri di Bari

con il sostegno di Comune di Bologna, Settore Cultura, Regione Emilia-Romagna – Servizio Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

 21  26 novembre 2017

● Dopo aver attraversato gli “inferni” di Copi, Jelinek, Koltès, Beckett e Pasolini, Andrea Adriatico scardina il meccanismo di Sartre, scarnificando la narrazione. L’inferno non sono gli altri: “l’inferno è dentro di noi”. 

Fahrenheit 451 Teatro e Bis 3000

ÈDITH PIAF

Le petit rossignol ne chante plus

di Daniele Salvo e Melania Giglio

con

MELANIA GIGLIO
MARTINO DUANE

regia

DANIELE SALVO

impianto scenico

Fabiana Di Marco

costumi

Giovanni Ciacci

 28 novembre  10 dicembre 2017

● Siamo nel 1962. L’appartamento di Èdith sembra una lugubre anticamera di morte. Le finestre sono sbarrate, entra pochissima luce, vecchi tappeti, vecchi dischi, vecchie poltrone. 

Una sequela di eventi drammatici si sono abbattuti su questa piccola donna: incidenti, medicinali, morfina, amore, bordelli, liti, furia, lutti, risate, solitudine, arte, alcol, gioia, canzoni. 

a cura dell’Associazione Culturale Ripabianca

STRAORDINARIE DONNE

letture e musica
di e con

LAVINIA GRIZI

violino

LUCIANA BASTARELLI

piano

LUCIA MARZIALI

4 dicembre 2017

● Racconti autobiografici, poesie, scritti e lettere inedite di quattro grandi personaggi femminili: Anna Magnani, Joyce Lussu, Alda Merini, Franca Rame.

Ricci/Forte

EASY TO REMEMBER

drammaturgia

RICCI/FORTE

con

ANNA GUALDO
LILIANA LAERA

regia

STEFANO RICCI

assistente

Ramona Genna

direzione tecnica

Danilo Quattrociocchi

 12  23 dicembre 2017

Voci femminili sepolte, sovrapposte, infrante, in istituti di “apparente” sanità. Ma la follia è davvero una malattia o un’espressione di libertà? Una donna fuori dall’ordinario, un’anima in fiamme quella di Marina Cvetaeva, come un fatale testamento in bottiglia da affidare alla Storia.

Teatro Verde

PINO STRABIOLI RACCONTA SERGIO TOFANO

(e i cavoli a merenda)

di e con

PINO STRABIOLI

e con

ANDREA CALABRETTA –  burattini, oggetti, ombre
DARIO BENEDETTIchitarra

26 dicembre 2017

Un omaggio, un pensiero dedicato al grande Sergio Tofano, figura centrale nella storia del nostro spettacolo, primattore, illustratore, autore, regista, pittore. Chi non ha stampato nella memoria il Signor Bonaventura? Il milione? Il bassotto? E nel 2017 si celebrano 100 anni dalla nascita di Sergio Tofano.

Generazione Disagio e Proxima Res

DOPODICHÉ STASERA MI BUTTO

di e con

ENRICO PITTALUGA
GRAZIANO SIRRESSI
LUCA MAMMOLI
ANDREA PANIGATTI

regista e co-autore

RICCARDO RAINER PIPPA

voce registrata annuncio

Adele Pellegatta

 27 dicembre 2017  7 gennaio 2018

Generazione Disagio, un collettivo formatosi alla Scuola Paolo Grassi di Milano, giovani attori-autori che con una drammaturgia dissacrante e cinica, giocando sul filo del paradosso, danno voce ad una generazione dalle poche speranze e certezze.

Teatro degli Acerbi

WILD WEST SHOW

di Fabio Fassio

con

MASSIMO BARBERO
PATRIZIA CAMATEL
DARIO CIRELLI
FABIO FASSIO
ELENA ROMANO

regia di

ELVIRA FROSINI
DANIELE TIMPANO

scene

Francesco Fassone

costumi

Roberta Vacchetta

luci

Marco Alfieri

regia video

Diego Diaz

foto

Piermario Adorno

consulenza musicale

Matteo Ravizza

 9  14 gennaio 2018

Nel febbraio del 1890 giungeva in Italia, preceduto da enormi campagne pubblicitarie, con una carovana di 59 vagoni ferroviari, il più grande spettacolo cialtrone di tutti i tempi: il “Wild West Show” di William Frederick Cody, in arte Buffalo Bill. 
In scena l’ultimo mito dell’Occidente imperialista e trionfante, quello americano. Il West. 

Off-Off Theatre

UN MONDO RARO

di e con

FABRIZIO CAMMARATA
ANTONIO DI MARTINO

con la collaborazione di

Giuseppe Provinzano

sound & light designer

Francesco Vitaliti

costumi

Igor Scalisi Palminteri

video

Manuela Di Pisa

voci

Filippo Luna, Chiara Muscato
Giuseppe Provinzano, Gisella Vitrano

 16  21 gennaio 2018

Una vita fra tequila, canzoni d’amore, passioni impossibili e magia, Chavela Vargas (1919-2012) è stata una delle voci più importanti e inconfondibili dell’America Latina che ha raggiunto fama mondiale, ma poco conosciuta in Italia. È stata amante di Frida Khalo, musa di Almodóvar e icona omosessuale che ha infranto gli schemi di un intero secolo. 

Compagnia degli Gnomi in collaborazione con Libertas Margot

MALEDETTA LA NEVE

Interviste a mariti assassini

con

CHIARA MELONI
MASSIMO CAPUANO

dalle interviste realizzate da

Chiara Meloni, Massimo Capuano

consulenza

Vanna Ugolini, Lucia Magionami

testi originali e regia

CHIARA MELONI

 22 gennaio 2018

● Dalle interviste emergono le voci di uomini normali, padri di famiglia, figli di madri amorevoli che diventano assassini delle proprie compagne, delle proprie mogli, delle madri dei propri figli. Persone comuni eppure assassini, uomini apparentemente integrati, insospettabili. Con interviste condotte in carcere dalla giornalista e scrittrice Vanna Ugolini e Libertas Margot, uno spettacolo che vuole far emergere i retaggi culturali alla base della violenza e le cause profonde del femminicidio. 

Alt Academy Produzioni

CONCERTO PER SANDRO PENNA

di Pino Strabioli e Elio Pecora

con

PINO STRABIOLI

e

ALBERTO MELONE

GABRIO GENTILINI

MARCELLO FIORINIfisarmonica

regia

PINO STRABIOLI

 23  28 gennaio 2018

110 anni fa nasceva uno dei massimi poeti del Novecento: Sandro Penna, “il solo poeta italiano che abbia parlato a gola spiegata dicendo chiaramente chi era e che cosa voleva”.

R.C. in collaborazione con Xenia

RICCARDO CASTAGNARI

è

DI-VI-NA

per vocazione star

al pianoforte

ANDREA CALVANI

testo e regia

RICCARDO CASTAGNARI

assistente alla regia

Adriana Alben

assistente ai costumi

Francesco De Marco

luci

Luca Capparucci

ufficio stampa

Carla Fabi e Roberta Savona

 30 gennaio  4 febbraio 2018

● “… niente è mai come sembra, se togliessi un po’ di cerone, strappassi via le ciglia finte e buttassi le parrucche, forse mi accorgerei che sotto sotto c’è dell’altro…”

Compagnia Scimone Sframeli

IL CORTILE

di Spiro Scimone

con

FRANCESCO SFRAMELI
SPIRO SCIMONE
GIANLUCA CESALE

regia di

VALERIO BINASCO

scena e costumi

Titina Maselli

disegno luci

Beatrice Ficalbi

regista assistente

Leonardo Pischedda

assistente scene e costumi

Barbara Bessi

foto di scena

Marco Caselli Nirmal

Direttore tecnico

Santo Pinizzotto

  18 febbraio 2018

● Il cortile è un testo di grande verità e, allo stesso tempo, completamente surreale. I protagonisti vivono fra vecchie motociclette e spazzatura in una discarica degna di qualche desolante suburbio della più povera delle metropoli. Il tragico ha anche effetti esilaranti: si ride molto, ma senza mai smettere di pensare.

Off-Off Theatre

SERATA ERO PURISSIMA

di e con

ELEONORA DANCO

12 febbraio 2018

● Eleonora Danco presenterà testi in slang Romano, pubblicati nella raccolta “Ero purissima”, edito da minimum fax. Sullo sfondo Roma e la sua contraddizione di suoni, linguaggi e vitalità.

Fondazione Teatro Due - Parma

ELISABETTA POZZI

in

ELENA

da Ghiànnis Ritsos

scene e costumi

Ilaria Ariemme

luci

Marco Grisa

musica

Daniele D’Angelo

Si ringrazia Antonio Marras
per l’abito della signora Pozzi

regia

ANDREA CHIODI

 20 febbraio  4 marzo 2018

Non è l’Elena che scatenò la sanguinosa Guerra di Troia, è un’Elena lontana dagli stereotipi, è una donna del presente a noi più vicino. La versione del mito che Ritsos ci offre è un vero e proprio ribaltamento dell’immagine di Elena che la tradizione letteraria ci ha donato.

Compagnia “Diritto & Rovescio”

AVREI PREFERENZA DI NO. BARTLEBY LO SCRIVANO

con

ROBERTO HERLITZKA

GIANLUIGI FOGACCI

musica dal vivo

Alessandro Di Carlo e Dario Miranda

cura registica

TERESA PEDRONI

aiuto regia

Elena Stabile

assistenti alla regia

Pamela Parafioriti, Francesco Lonano

fonica

Fabio Rivelli

light designer

Valerio Modesti

 12 marzo 2018

● Un criptico scrivano rivendica l’ozio e il silenzio contro tutte le pressioni di una vita reale. Nel percorso recitativo Roberto Herlitzka, accompagnato dai suoni della tastiera elettronica dal vivo, evocherà l’atmosfera perturbante che si respira nelle pagine del racconto…

Teatro Garibaldi di Palermo alla Kalsa /Yare Produzioni 
con il patrocinio della ‘Missione Diplomatica degli Stati Uniti D’America in Italia’

QUATTRO CANI PER UN OSSO

di John Patrick Shanley

adattamento

Enrico Vanzina

dalla traduzione di

Leonardo Sbragia

con

CRISTINA CIRILLI
PIETRO MONTANDON
NEVA LEONI

regia di

JOHN R. PEPPER

scene e costumi

Mela Dell’Erba

disegno luci e suono

Patrick Boggero

musiche originali

‘The Pepper Brothers’

  18 marzo 2018

● Dopo il successo negli Stati Uniti e al Festival di Avignone e a Parigi, debutta in prima nazionale “Quattro cani per un osso” di John Patrick Shanley, Premio Oscar per la sceneggiatura di Stregata dalla luna e Premio Pulitzer e Tony Award per Il dubbio. Bugie, colpi di scena, sesso e vendette nel mondo di Hollywood.

 

Arte e Spettacolo Domovoj

Roberto Cotroneo

è l’autore di

QUESTO AMORE

con

LAURA LATTUADA
MASSIMILIANO VADO
LAURA GAROFOLI

drammaturgia e regia

MATTEO TARASCO

spazio scenico e luci

Matteo Tarasco

costumi

Daniela Antoci

elaborazioni musicali

Fefo Forconi

assistente alla regia

Luca Gaeta

produzione esecutiva

Marilia Chimenti

 20  25 marzo 2018

● Roberto Cotroneo ha tratto un testo teatrale da “Questo amore”, suo romanzo folgorante. Ma non si tratta di un mero adattamento del testo originale, bensì di una nuova opera, nata per gemmazione, l’opera nuova di uno dei più apprezzati romanzieri contemporanei italiani che, per la prima volta, si misura con la scrittura per il palcoscenico.

Metastudio89

LA TARANTINA

L'ultimo femmenièllo dei Quartieri Spagnoli

con

LA TARANTINA (Carmelo Cosma)
CARLO DI MAIO
STEFANO ARIOTA
ANTONIO CLEMENTE

testo e regia

FORTUNATO CALVINO

scene

Paolo Foti

costumi

La Rossa

disegno luci

Renato Esposito

 27  31 marzo 2018

● La Tarantina ci racconta del suo arrivo a Napoli subito dopo la guerra: un ragazzino ancora minorenne e il suo avvio alla prostituzione, la persecuzione della polizia, la sua partenza per Roma, dove ha vissuto la sua trasgressiva dolcevita tra Pasolini, Fellini, Laura Betti e Goffredo Parise.

Perrone Produzioni

STAND UP COMEDIANS

con

VELIA LALLI
DANIELE GATTANO
PIETRO SPARACINO
MARTINA CATUZZI

  8 aprile 2018

● Live show che mette a nudo i temi più scottanti che la tv non osa trattare. Un cast scorretto che rappresenta il meglio della nuova satira italiana: comici con turbe psichiche, asociali, “cattivi”, comici con pensieri pericolosi, comici profeti, predicatori e folli. Comici liberi di esprimersi senza censura, comicità a volte violenta, ma mai banale.

Teatro Franco Parenti

PER STRADA

di Francesco Brandi

con

FRANCESCO BRANDI
FRANCESCO SFERRAZZA PAPA

regia

RAPHAEL TOBIA VOGEL

scene e costumi

Andrea Taddei

video di scena

Cristina Crippa

assistente alla regia

Gabriele Gattini Bernabò

 10  22 aprile 2018

● “Per strada” è un affresco divertente, ma anche tragico, dei trentenni di oggi, incapaci di trovare una collocazione nella vita e convinti dell’impossibilità di cambiarla e che non possono permettersi di fermarsi perché hanno fretta e urgenza di camminare.

Compagnia 17 aprile ‘44

NIDO DI VESPE

Spettacolo sul rastrellamento del Quadraro

di Simona Orlando

con

DANIELE MIGLIO
FABRIZIO BORDIGON
EMANUELE CECCONI
VITTORIA ROSSI
VALENTINA DI ODOARDO
ANGELA BRUSA

regia

DANIELE MIGLIO

musiche

Massimo Gervasi

 16 aprile 2018

● Nido di Vespe vuole commemorare le vittime del rastrellamento del Quadraro avvenuto il 17 aprile 1944 e, contemporaneamente, mira a sensibilizzare le nuove generazioni su un fatto a cui la Storia non ha dato finora il dovuto risalto. Una rievocazione delle vicende nella quotidianità degli abitanti del quartiere prima, durante e dopo l’Operazione Balena, a cui seguì la deportazione di circa 1000 uomini compresi tra i 15 e i 55 anni. Gli attori porteranno in scena le vere storie dei deportati nel campo di concentramento di Fossoli e poi in Germania, e delle famiglie rimaste ad attendere il loro ritorno.

Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro

L’AMORE PER LE COSE ASSENTI

con

GIANDOMENICO CUPAIUOLO
AUTILIA RANIERI

e con la partecipazione di

HER

scritto e diretto da

LUCIANO MELCHIONNA

scene

Roberto Crea

musiche originali

STAG

costumi

Milla

assistente alla regia

Sara Esposito

24 29 aprile 2018

● L’amore rende ridicoli. Rende ridicoli all’inizio, ma anche alla fine. Un’esilarante, impietosa, autopsia dei sentimenti. Un confronto implacabile della voglia di verità che anima entrambi i protagonisti, liberi dal peso delle parole mai dette.

Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse

Generazione Disagio

KARMAFULMINIEN

Figli di Puttini

con

LUCA MAMMOLI
ENRICO PITTALUGA
GRAZIANO SIRRESSI

regia

RICCARDO PIPPA

scene

Anna Maddalena Cingi

costumi

Daniela De Blasio, Anna Maddalena Cingi

luci

Danilo Deiana

organizzazione

Paola Petruzzelli

6 maggio 2018

Un linguaggio scanzonato, irriverente e caustico con cui dare voce alla generazione ‘di mezzo’. Tre angeli aggressivi, pessimisti, critici che si presentano agli umani come angeli 3.0, incarnazione della spiritualità moderna.

Compagnia Attori Doppiatori

LA MUSICA DEUXIÈME

di Marguerite Duras

traduzione di

Mariella Fenoglio

con

MONICA PARIANTE
ELISABETTA SPINELLI

regia e adattamento

RAFFAELLA MORELLI

assistente alla regia

Vicky Colombo

scene

Romualdo Moretti

costumi

Daniela Casati Fava

18  13 maggio 2018

● Marguerite Duras diceva: “l’amore è la sola cosa che conta veramente ed è stupido pensare di ridurlo a delle storie fra un uomo e una donna”. Francia, fine anni quaranta, due donne, una notte. Due donne si sono amate, poi il tempo ha minato i loro sentimenti e le ha fatte separare.

Cardellino srl

AUTOBIOGRAFIA EROTICA

di Domenico Starnone

tratto da Autobiografia erotica di Aristide Gambía

con

VANESSA SCALERA
PIER GIORGIO BELLOCCHIO

regia

ANDREA DE ROSA

15  27 maggio 2018

● I due protagonisti s’incontrano in un appartamento: lei lo ha convocato per e-mail ed è la ragazza con cui vent’anni prima lui ha avuto un frettoloso rapporto sessuale. La realizzazione di un irresponsabile desiderio sessuale? Ma perché parlarne con il linguaggio dolce dell’amore? Meglio l’oscenità.