ROMA CAPUT MUNDI

Un viaggio al termine della notte nel cuore della Capitale. Roma non è una città come le altre, Roma è un simbolo, Roma è una metafora, un’iperbole, Roma è il sismografo etico, morale e politico del nostro Paese: un sismografo che sta registrando scosse sempre più frequenti, più violente, inquietanti e i primi a pagarne le spese, come sempre, sono i più giovani.

LA CONFESSIONE

La testimonianza drammatica e sincera di un prete cattolico che scopre di essere omosessuale: un itinerario lacerante …

LE METAMORFOSI

I Classici hanno il potere di risvegliarci e riconnetterci alla nostra dimensione umana più profonda, perché i Classici non solo conoscevano l’animo umano ma, soprattutto, sapevano dargli voce ed esprimere  tutte  le passioni che lo attraversano. 

LA RIVOLUZIONE DELLE SEDIE

Come ci si comporta con un paraplegico arrogante e prepotente? ‘La rivoluzione delle sedie’, con ritmo e divertimento, svela l’ipocrisia del senso di colpa dei normodotati nei confronti dei disabili e verso chi vediamo diverso da noi.

MIMÌ

Lo spettacolo si propone un compito molto speciale: richiamare lo spirito tormentato di Mia Martini. Mimì è una donna che ha sofferto e ha pagato, un’anima che non ha mai avuto pace.

THE CONDUCTOR

Nel 1941 le truppe naziste circondarono la città di Leningrado, un assedio durato più di due anni e che costò la vita di un milione di uomini, donne e bambini. Nel mezzo di questa devastazione, Dmitrij Šostakovič portò a termine la sua Settima Sinfonia.

FIGLIE DI SHERAZADE

Figlie di Sherazade è la storia vera di due giovani donne che raccontano affinché altre donne possano un giorno vivere in condizioni migliori: un accento sulla condizione del genere femminile e le sue ineguaglianze. Lo spettacolo rientra tra le attività realizzate dal I Municipio del Comune di Roma in occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, promossa dalle Nazioni Unite.

Dopo due anni di ricerca intorno alla performance M², Dynamis esplora il confine tra umano e disumano. 

CARTA STRACCIA

È da poco iniziato il 1968. Roma è in fermento. C’è il cinema, la moda, la musica; ci sono gli studenti che protestano, le donne che chiedono il cambiamento. Patty Pravo è la regina del Piper. 

STAY – IL VIAGGIO

La diagnosi di una malattia incurabile, il senso di impotenza, la perdita di autonomia.
“Ma perché bisogna andare fino in Svizzera? Perché non qui?”.