ANTONIO VENTURI  – CURRICULUM VITAE

PRESIDENTE ONORARIO DELL’ASSOCIAZIONE TEATRO FESTIVAL

Antonio Venturi, dopo il Liceo nella natia Firenze, frequenta l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico a Roma, non terminata perché subito scritturato da grandi Compagnie di Prosa.

Moltissimi i protagonisti in teatro al fianco dei grandi attori di allora, da Renzo Ricci a Elsa Merlini, da Lina Volonghi, Gino Cervi, Valeria Moriconi a Paola Borboni. È protagonista di grandi spettacoli teatrali, tra gli altri, Oreste nell’ ”Andromaca” al teatro greco di Siracusa,”Narcisi e mamme” con Corrado Pani e il giovane Consalvo nei “Viceré” di De Roberto, con Mario Scaccia al Teatro Greco di Taormina.

Protagonista in televisione di sceneggiati e commedie, nel periodo in cui la Rai aveva una grande attenzione per il Teatro. Da “Cocktail Party” alla “Professione della Signora Warren”, da “La Foresta” di Ostrovskij, con Gian Maria Volonté, a un clamoroso successo di quegli anni “La donna in vestaglia” con Andreina Pagnani.

Poi la decisione, personale e improvvisa, di lasciare il Teatro per dedicarsi ai suoi studi sull’arte antica. Ritorno in Teatro, come regista, al Todi Festival, con spettacoli che hanno segnato la storia della manifestazione: “La Tancia” di Michelangelo Buonarroti il Giovane, “Fiamme nell’ombra” di Annibale Butti, “Gli amici di casa” di Carlo Collodi, “Viva Campanile” con Pupella Maggio, spettacolo che inaugurò la riapertura del teatro di Todi dopo i dieci anni di chiusura per il restauro. E ancora, “Gallina vecchia” con Pina Cei, “La moglie di Claudio” di Alessandro Dumas figlio, celebre cavallo di battaglia di Eleonora Duse e Sarah Bernhardt, riproposto per la prima volta nei tempi moderni e “Marx” da Il Capitale di Curzio Malaparte.

.