Teatrocittà-C.N.T. e Teatro Studio Krypton

PROSA       

IL LABORATORIO DELLA VAGINA

scritto e diretto da Patrizia Schiavo

laboratorio-della-vagina-spettacolo-offoff-teatro-roma

pastedGraphic.png

18 28 dicembre 2018

pastedGraphic.png

con un frammento da “Il rumore della notte” di Marco Palladini

con

Patrizia Schiavo, Teresa Arena, Anna Maria Bruni, Silvia Grassi, Marianna Ferrazzano, Carmen Matteucci, Sarah Nicolucci

e con la partecipazione straordinaria di

Lucia Bianchi, Serena Borelli, Donatella Cherry, Elodie Serra

In compagnia di un primitivo idolo femminile, la Grande Madre, tra il talk show, la terapia di gruppo e la denuncia sociale, la conduttrice/sacerdotessa/sessuologa “Schiavo” accompagna sette donne in un percorso rivolto alla liberazione dai tabù, dai luoghi comuni, dall’ignoranza, dalle inibizioni, dalle paure e dal senso di vergogna. “Il laboratorio della vagina” è un viaggio collettivo in cui le pazienti (e di riflesso gli spettatori), imparano a raccontarsi, a conoscere il proprio corpo, a vivere appieno la propria sessualità. I tabù sdoganati senza pudori ne pedanteria assolvono una funzione liberatoria, terapeutica. La vagina, emblema di femminilità, forza, maternità, ma anche motivo di incomprensione, sottomissione, emarginazione e violenza. Storie ironiche, incredibili e drammatiche, dal primo ciclo alla prima volta, dalle richieste erotiche più impensabili, al posto più strano in cui l’abbiamo fatto. E poi l’orgasmo, i maniaci nei parchi e gli stupri. Diversi gli aspetti indagati, da quelli piccanti a quelli dolorosi, in un’escalation che conduce gli spettatori dal divertimento alla violenza subita dalle donne bosniache, gli stupri di massa e la pulizia etnica. Un NO allo stupro, alla violenza, alla mutilazione, all’infibulazione e un SI alla riscoperta del proprio essere, della femminilità, del sesso, della dignità e del rispetto. Un messaggio di denuncia, un grido per vincere l’indifferenza. “Invece di nasconderci dietro al velo e al burqa, noi ce la guardiamo!”.

X